Un altro blog di Pieru?

pieru che in Finlandese rende l’idea …

Il gatto danzante

La mia gatta è goffa, mi rendo conto che potrebbe sembrare un controsenso perchè immaginiamo i gatti come animali agilissimi, sono felini dopotutto, ed in effetti nella maggior parte dei casi è così, si muovo con eleganza, saltano con leggiadria da uno scaffale all’altro, sono capaci di salire sulla scrivania senza neppure un suono… eppure a volte sbagliano. Per esempio, alcune case fa, avevamo una sala con il pavimento di marmo, in una delle rarissime occasioni in cui mia moglie aveva dato la cera la gatta aveva clamorosamente sbagliato i calcoli per gli spazi di frenata, andando a sbattere contro il muro.
Un’altra volta si è addormentata su uno scaffale, carico di libri. Lo spazio a sua disposizione era modesto però aveva deciso di dormire lì, forse perchè le piaceva l’odore dei vecchi garzanti o quello del pino IKEA, non lo so, fatto sta che si è addormentata e deve aver fatto qualche sogno turbolento perchè a un certo punto, nel sonno, è caduta giù dalla libreria. L’avessi ripresa in video avrei potuto fare milioni di visualizzazioni su youtube…

Il gatto della foto invece non è goffo, sta ballando, è un passo di danza piuttosto complicato!

aprile 22, 2020 Posted by | Ridere | , | Lascia un commento

Gatto malvagio

gatto malvagio

Non tutti i gatti sono carini, a volte lo sono solo quando li guardata e nascondono la loro appartenenza al lato scuro. Ancora non padroneggiano perfettamente la tecnologia ma manca poco, ci siamo quasi.

Ecco quello che fanno i gatti quando gli umani non guardano!

aprile 1, 2020 Posted by | Ridere | | Lascia un commento

Coscia lunga

coscia lunga

Ci sono donne con le gambe lunghe (e su questo sito ne sappiamo qualcosa) e poi ci sono i gatti con le zampe gambe lunghe.

febbraio 5, 2020 Posted by | Ridere | | Lascia un commento

Controindicazioni della dieta

magroUna dieta che funzioni davvero esiste? Una cosa facile, che non costringa a sacrifici, che permetta di mangiare quello che si vuole quando si vuole e non costringa a fare esercizio fisico esiste? Se possibile senza troppe controindicazioni, a parte quella di ritrovarsi più magri e magari di finire per sbaglio in mezzo ai cuscini del divano, questo potrei sopportarlo.

dicembre 25, 2015 Posted by | Ridere | , | Lascia un commento

Crossdresser

crossdresserCi sono uomini che amano travestirsi, alcuni lo fanno apertamente e senza nascondersi, altri curiosano nell’armadio della moglie quando questa è fuori casa. Che il gatto della foto sia un aspirante crossdresser? Con tutte le foto che un paio di anni fa hanno riempito il web (basta cercare gatti e collant per avere un’idea), viene il sospetto che questa abitudine sia indotta e non spontanea da parte dei simpatici e curiosi felini.

settembre 30, 2015 Posted by | Ridere | | 4 commenti

Il trono di spade

iltronodispadeQuesta è sicuramente opera di un papà, nessuna mamma farebbe mai una cosa del genere. Un papà che ha almeno tre passioni: sua figlia, i gatti e il Trono di Spade.

Non oso pensare a quanto tempo ha impiegato per riuscire a fare questa foto ma sono sicuro che la cosa più difficile è stata mettere in posa i gatti.

marzo 30, 2015 Posted by | Ridere | , | Lascia un commento

Vale sempre la pena provarci

tentareCi sono eccezioni, molte eccezioni ma spesso vale la pena provarci. Fare il gran salto può portare a grandi successi ma, anche se va male, spesso no succede niente di irreparabile.

Con dei distinguo e delle eccezioni, come dicevo. Per esempio se date le dimissioni è difficile che poi possiate tornare indietro. Se decidete di lasciare l’Italia è lo stesso. In teoria è possibile prima o poi tornare indietro ma spesso è una scelta senza ritorno. Vale lo stesso per un trasloco da una città all’altra dello stesso paese ma cambiando nazione, lingua, abitudini alimentari, documenti e iter scolastico spesso e volentieri non si può più tornare indietro quindi pensateci bene prima di fare il salto.

gennaio 22, 2015 Posted by | Ridere | | Lascia un commento

Almeno una volta nella vita

gatto_bagnatoIl gatto della foto sembra insegnarci che, almeno una volta nella vita, si può e si deve provare a fare tutto. Ok, ok, proprio tutto no, assaggiare la lava bollente non fa parte di questa todo list, però provare a fare un bagno almeno una volta può essere una buona idea.

Molti dovrebbero prendere esempio dal gatto, per esempio i miei compagni di metropolitana di questa mattina: aria condizionata scassata, finestrini bloccati, traffico sulla linea o chissà cosa cazzo era successo, insomma andava pianissimo e per andare da centrale a duomo ci ho messo una vita.

Un’esperienza indimenticabile, una tortura che manco a Guantanamo…

gennaio 10, 2015 Posted by | Ridere | | Lascia un commento

Ci vuole una dieta

dietaCi sono dei momenti nella vita di un uomo che segnano delle tappe fondamentali, hanno una data precisa e sono delle vere e proprie pietre miliari. Il matrimonio, la nascita del primogenito sono alcune delle più importanti e una delle due è un ricordo estremamente piacevoli.

Altri processi sono più lenti e non hanno dei momenti netti e precisi. Invecchiare e ingrassare, ad esempio.

Tutto questo perchè alla mia veneranda età e veleggiando allegramente verso i novanta chili ho deciso che arrivato il momento di prendere in considerazione di smettere di fumare, presto e di mettermi a dieta, prima o poi. Non so se possono essere considerati segni della mezza età ma se non mi decido non riuscirò mai a godermi la moto che prima o poi spero di riuscire a comprarmi!

dicembre 22, 2014 Posted by | blog | | Lascia un commento

Il successo su internet

gattinoPer avere successo con il proprio sito su internet bisogna avere coraggio e perseveranza. Osare percorrere strade inesplorate, lavorare tanto, tantissimo. Rinunciare alle partite, ai fine settimana, alle ferie, rinunciare a tutto il tempo libero e al sonno per lavorare al blog. Cercare di scrivere articoli interessanti, impostare un piano editoriale e scrivere, scrivere tanto, tantissimo, anche quando non legge nessuno, anche quando nel blog non c’è nessuno che commenta, anche dopo due anni di lavoro.

Pian piano il successo arriva, cominciano ad arrivare gli accessi e con questi i ricavi. 2 euro al mese, poi diventano 8, poi 10 e poi pian piano cominciano a diventare una cifra degna di essere presa in considerazione, 100, 200, 1000 euro al mese.

Poi arriva google e decide che il vostro sito è una ciofeca e non merita le attenzioni dei suoi utenti, le visite precipitano e i ricavi tornano a 5 euro al mese, proprio quando voi avevate iniziare a sentire il profumo dei soldi, proprio quando avevate anche pensato a come investire quei ricavi che cominciavano a sembrare certi.

E’ in quel momento che capite di esservi inerpicati su un terreno estremamente pericoloso, c’è solo da sperare che nel frattempo non abbiate dato le dimissioni dal vostro odiato posto di lavoro.

dicembre 15, 2014 Posted by | internet, seo | | Lascia un commento