Un altro blog di Pieru?

pieru che in Finlandese rende l’idea …

Le piscine veneziane

Sinonimo di campo, usato in pochi casi, in origine era un piccolo stagno o un laghetto naturale interno agli isolotti della città di Venezia e veniva usato per pescare (era chiamato anche piscaria) o per tenere il pesce vivo in canestri immersi in acqua, oltre che come saline o finalmente per bagnarsi.
Questi invasi vennero via via tutti interrati, sia per eliminare le zanzare, la malaria e gli odori nauseanti, sia per usufruire del loro spazio per agevolare la viabilità pedonale o per costruire nuove abitazioni. Dopo evidenti abusi il Maggior Consiglio nel 1288 decretò che le piscine interrate dovessero restare libere e di pubblica utilità, perciò molte piscine si trasformarono in campo. Di alcune è rimasto però il nome e la memoria, ad esempio la piscina di San Moisè (interrata nel 1148), la piscina di San Cassiano (interrata nel 1185) e a piscina di Sant’Agostino (interrata nel 1204).

Annunci

marzo 11, 2010 Posted by | turismo | Lascia un commento